WP Deals (Groupon) Guida Pratica, nuova traduzione italiana – prima parte

7 marzo 2013 , , , ,
WP Deals (Groupon) Guida Pratica, nuova traduzione italiana – prima parteè stato aggiornato il 26 marzo 2013
Autore: Luciano Del Fico 0 Commenti

Diversi mesi fa abbiamo parlato di uno dei pochi plugin per WordPress che consente di creare i propri Deals (offerte) in modo simile a Groupon! Nell’articolo “Traduzione italiana WP Deals Plugin (Groupon) e FAQ“, il plugin presentava diversi limiti e bugs che sono stati abbondantemente superati con la nuova versione. Avevo prodotto anche la traduzione, ma si era resa completamente inutile con il rilascio dell’attuale versione, alla data odierna la 2.0.1.2. Da qualche giorno è disponibile nel nostro Store la traduzione aggiornata in italiano all’ultima versione di Wp Deals.

wpdeals

Ho impiegato diversi mesi perché la nuova traduzione ora conta circa 1200 stringhe per circa 197 kb. di peso. Ma vediamo quali sono le novità rispetto all’ultma versione, nella prima parte di questa guida parleremo delle impostazioni.

Impostazioni WP Deals

Attualmente il menu impostazioni contiene le schede: generale, pagine, offerte, giacenze, gateway di pagamento, email. Nella scheda “generale“, oltre alle voci disponibili nella precedente versione sono ora disponibili le impostazioni di checkout, con la possibilità di consentire agli utenti di creare un account ed effettuare il login dalla pagina del pagamento, mostrare l’ordine nella sezione commenti,  abilitare o disabilitare SSL/HTTPS.

Si aggiunge la possibilità di usare la modalità “Demo Store” e script come: lightbox sulla pagina offerte, Query UI (usato nel widget prezzi), JavaScript nel piè di pagina ( wp_footer). Migliorati i pulsanti di condivisione con l’aggiunta di Share This e Google Analytics.

Migliorata notevolmente l’usabilità delle “pagine” create automaticamente dal plugin, le stesse possono essere ricreate in qualunque momento eseguendo il link seguente:

Ricreare le pagine può essere utile per risolvere eventuali problemi che dovessero verificarsi come ad esempio l’errata cancellazione di shortcode associati ad ogni singola pagina. Tramite la scheda pagine, ora c’è la possibilità di definire la pagina dei “Termini d’uso” in modo che i clienti saranno obbligati ad accettare questi termini al momento del pagamento. Migliorati sono anche i permalinks, con l’aggiunta e la configurazione di tassonomia, categorie, tags.

La scheda “offerte” ora consente di migliorare l’aspetto e la visualizzazione del simbolo di valuta, ad esempio è ora possibile scegliere se visualizzare a sinistra, o destra, con spazio o senza la valuta. Sono inoltre disponibili separatori per decimali, migliaia e possibilità di tagliare i numeri dopo la virgola. Sempre nella scheda offerte, è possibile modificare la dimensione predefinita per le immagini delle singole offerte o delle miniature.

Importante aggiunta è la scheda “giacenze“, ora è possibile gestire la scorta minima delle proprie offerte, e l’amministratore può ricevere le notifiche dei sotto scorta o dei fuori magazzino.

Migliorati i “gateway di pagamento” che ora possono essere trascinati e rilasciati (funzione drag and drop) per ordinare la visualizzazione. Attualmente sono previsti i seguenti metodi di pagamento: Paypal, Bonifico Bancario, Assegno Bancario con dettagli in ogni singola visulizzazione.

Con la scheda “Email” vengono definiti gli indirizzi email delle notifiche per ogni nuovo ordine,  giacenza o mittente. Vengono inoltre definiti i parametri di configurazione del template email con cui è possibile modificare il logo e i colori delle email inviate ai propri clienti.

Leggete il successivo articolo: WP Deals (Groupon) Guida Pratica, nuova traduzione italiana – seconda parte, vi invito ad acquistare nel nostro Store la nostra traduzione aggiornata all’ultima versione di Wp Deals!